scuolazoo.com

Notizie incredibili

 

Gli restano due settimane di vita: la città organizza Halloween e Natale in anticipo per lui

USA - A Ethan van Leuven, 4 anni, resta una manciata di ore da vivere. Una leucemia linfoblastica acuta sta interrompendo il suo cammino. Troppo presto, piangono i parenti che gli stanno accanto e che non riescono a immaginare che un semplice bacio della buonanotte, una colazione, un sorriso potrebbero essere gli ultimi. Ethan potrebbe collassare da un momento all'altro o chiudere gli occhi per sempre una delle prossime notti.

I medici sono stati chiari: «Al piccolo restano al massimo due settimane di vita». Troppo poco tempo per permettergli di festeggiare il compleanno, o spacchettare i regali di Natale o bussare alla porta del vicino per il dolcetto-scherzetto di Halloween.

Proprio per questo la piccola cittadina di West Jordan, nello Utah, ha deciso di stringersi attorno alla famiglia per rendere gli ultimi giorni di Ethan indimenticabili: e così, bruciando ogni tappa del calendario, in pochi giorni il piccolo ha potuto festeggiare la notte delle streghe, il suo quinto compleanno e la vigilia di Natale. Tutto in anticipo, in una settimana di puro divertimento.

I genitori di Ethan, Merril e Jennifer, hanno deciso di trasformare in una festa gli ultimi giorni di vita del loro bambino. E così, con il cuore colmo di lacrime, hanno deciso di stamparsi un sorriso in faccia e di portare a spasso Ethan, vestito da Superman, per regalargli l'emozione di giocare a dolcetto-scherzetto come la tradizione vuole la notte di Halloween.

Ad attenderlo a ogni porta c'erano vicini, parenti, amici, conoscenti o semplici cittadini di West Jordan che hanno deciso di impegnarsi con la famiglia per regalare gli ultimi sorrisi al bambino donando dolci e doni.

Due giorni dopo è stata organizzata una parata per festeggiare il quinto compleanno di Ethan, esattamente un mese prima del giorno effettivo. Infine tutti gli abitanti della piccola città hanno deciso di anticipare il Natale addobbando ogni casa con le classiche luci e regalando doni al piccolo. Perché Ethan alla prossima vigilia non ci sarà.

«I medici ci hanno detto che gli sarebbero rimaste un paio di settimana di vita – ha raccontato Merril, il papà del piccolo – A Ethan è stata diagnosticata la leucemia a 22 mesi e ha sempre combattuto come un guerriero fino al momento in cui ci hanno comunicato che non c'era più nessuna speranza. Così abbiamo pensato di sfruttare al meglio gli ultimi giorni insieme».

La cittadina, appena saputo del dramma del piccolo, si è unita all'abbraccio della famiglia per accompagnarlo nei suoi ultimi passi. «Sappiamo che si tratta di un momento difficile – ha detto un vicino di casa - Vogliamo essere lì per loro». Per Ethan un vero e proprio bagno d'affetto. E se l'avanzare inesorabile delle ore non può essere fermato, almeno si può beffare il tempo in qualche modo per strappare un ultimo sorriso a un guerriero che sta perdendo la sua battaglia. Troppo presto.

 

Vuole diventare come Jessica Rabbit: modifica il corpo a forma di 'clessidra'

NEW YORK - Cosa non si fa per somigliare ai propri idoli? Kelly Lee Dekay ne sa qualcosa ed ha una vera e propria ossessione: somigliare a Jessica Rabbit.

Così, nella speranza di rincorrere il sexy personaggio di animazione, ha ritrotto la sua circonferenza, i suoi fianchi, per far diventare il suo corpo a forma di clessidra.  Il suo allenamento è iniziato 7 anni fa:
"Crescendo ho iniziato ad amare i suoi costumi, mi piace interpretare la sua personalità così sexy. Da piccola ero molto timida ed appassionata di fumetti. Poi mi sono innamorata di Jessica Rabbit, e in questi anni ho fatto di tutto per permettere al mio fisico di entrare in questo corpetto strettissimo, proprio come il suo. Alcune persone mi amano per come sono, altre persone non mi apprezzano. La gente dice che sembro innaturale, ma a me non interessa. Mi piace piacermi", ha concluso Kelly.

leggo.it


 

Sesso sadomaso con punti di sutura, due medici indagati a Pisa

PISA - Due medici, un uomo ed una donna, «giocavano ai dottori» in modo pesante fra loro e forse con altre persone, producendosi in performance sessuali sadomaso e utilizzando anche presidi medici e chirurgici: adesso sulla vicenda è aperta un'inchiesta della procura di Pisa.

Foto hot Secondo quanto riporta il quotidiano Il Tirreno tutto sarebbe nato da una chiavetta Usb trovata in lavanderia nella tasca di un camice mandato a lavare. La chiavetta conteneva foto relative a pratiche sessuali con presidi medici e strumenti chirurgici, ma anche con primi piani di parti intime femminili con punti di sutura.

Il materiale sequestrato La pennetta è stata consegnata ai carabinieri e le indagini hanno consentito di risalire ai due medici, un 47enne pisano ed una 40enne livornese. Nel corso di perquisizioni nelle abitazioni e in un camper, riferisce ancora il quotidiano, sono stati trovati pc portatili, chiavette, foto e oggetti usati per pratiche sadomaso.

La difesa I due medici avrebbero spiegato che quelle immagini riguardavano i loro momenti di intimità, senza che fossero coinvolte altre persone. Da accertare, infine, se sono stati usati materiali di studi privati o dell'azienda sanitaria presso la quale lavorano: in tal caso potrebbe scattare l'accusa di peculato.

C'è a chi piace sadomaso e a chi meno ...
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.