scuolazoo.com

Notizie incredibili

 

In 500 per un posto da attore porno. "Guadagnerete duemila euro al mese"

ROVIGO - AAA aspiranti Rocco Siffredi cercansi. Un tempo si trovavano annunci di offerte e proposte di lavoro legati ad occupazioni tradizionali. Ora invece per sbarcare il lunario c'è chi è disposto a diventare attore a luci rosse. Succede infatti che una casa di produzione di film pornografici padovana abbia inserito un annuncio sul web nella "Bacheca incontri Rovigo". Sezione "coppie". 
«Coniglietta sexy cerca...». L’invito, urbe et orbi, è finalizzato a trovare in Polesine ragazze, ragazzi e coppie disposti a diventare attori semiprofessionisti. L'annuncio è accompagnato da foto piccanti di Luciana, testimonial della ditta cinematografica che ha sede a Pontevigodarzere (Padova). All'annuncio hanno risposto da Piemonte, Lombardia e soporattutto Veneto. Molti anche dalla provincia di Padova. 
Siamo andati a vedere dopo aver scritto una mail. Si viene quindi contattati da Luciana, che scrive: «Si tratta di filimini sexy per il mercato Usa... ». Dopo un paio di settimane, c'è l'appuntamento dove spiegano che uno dei loro attori può girare 25 film all'anno, ogni 7 del mese si fa il bilancio delle vendite e l'attore riceve in 10 giorni un bonifico dagli Usa che arriva fino a 2.000 euro: «E il 30% lo deve girare a noi...». Le richieste pervenute sono tantissime: «Solo di etero almeno 500 candidati, mentre siamo in cerca di gay e bisex»
 Elezione Presidente della Repubblica, 1 voto a Rocco Siffredi:
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.
 

Viveva in 6 mq a Parigi, italiana cacciata per aver chiesto la fattura

PARIGI - Viveva in un buco di 6 mq senza bagno, dove per entrare bisognava piegarsi e abbassare la testa, che riusciva a permettersi grazie al lavoro dopo le lezioni in università. Elisabetta Serughi, 21 enne italiana a Parigi dove frequentava una scuola di specializzazione in architettura, pagava 400 euro per quell'appartamento nel quartiere di Barbes, vicino Montmartre, ma, come riporta l'Ansa, è stata cacciata per aver chiesto la fattura. La studentessa voleva andarsene, ma quando ha chiesto le ricevute al proprietario ha scatenato la sua ira.

L'aggressione - La reazione dell'uomo è stata tanto inaspettata quanto violenta. "Ha buttato fuori tutti i miei libri, e quando ha visto che stavo chiamando la polizia mi ha strappato il cellulare di mano buttandomi a terra" ha riferito la ragazza. Per fortuna è intervenuta la vicina, mentre il proprietario continuava ad urlare: "Italiana di merda". Adesso l'uomo rischia una condanna per violenze e affitto abusivo.

tgcom24.mediaset.it


 

Promette di dimagrire all'amica in punto di morte: perde 70 chili in 13 mesi

INGHILTERRA - Per tutta la sua vita, era sempre stato una taglia forte. Finché non è arrivato il giorno in cui ha dovuto rispettare una promessa molto speciale.

Mark Smithers, 30 anni, di Orpington, era talmente sovrappeso che i bulli del quartiere lo deridevano tirandogli cibo addosso mentre aspettava l'autobus. Eppure a mettersi a dieta aveva provato svariate volte, ma un po' la pigrizia, un po' la difficoltà di cambiare alimentazione lo avevano fatto desistere: non aveva mai perso più di qualche chilo, immediatamente ripreso.

Ormai era arrivato a pesare più di 150 kg, rinunciando per sempre a condurre una vita normale. Finché la migliore amica di sua madre, Maggie Johnson, si è ammalata di cancro. Sul letto di morte, Maggie ha pensato a lui, il piccolo Mark che aveva visto nascere e gli ha chiesto di prometterle che avrebbe perso peso, perché era preoccupata per la sua salute.

Detto fatto: Mark, quando fa una promessa, non è tipo da tirarsi indietro. Per questo ha bandito dalla propria vita pane, bevande gassate e i sandwich che tanto gli piacevano, per passare a insalate e cibi più salutari.

Le quattromila calorie che assumeva quotidianamente sono diventate un lontano ricordo. E insieme a loro il suo vecchio peso: Mark ha perso quasi 70 kg in un anno, raggiungendo il suo peso forma.

«Prima facevo tantissimi spuntini - racconta - ero infelice, passavo il mio tempo a giocare al computer e avevo paura di uscire. Adesso le persone nemmeno mi riconoscono. Un cliente è venuto al negozio in cui lavoro e ha chiesto se c'era il 'ragazzo grasso' ». Maggie sarebbe molto felice, giura mamma Lesley, da sempre la prima fan di suo figlio. «Ci ha resi tutti molto orgogliosi». E Maggie, che per Mark era come una zia, può riposare in pace.

ilmessaggero.it