scuolazoo.com

Notizie incredibili

 

L'incubo di Aimee: un batterio la sta divorando

STATI UNITI - Aimee Copeland, 24enne brillante studentessa della Georgia, stava facendo qualcosa che amava, dice l’Atlanta Journal Constitution: “Una sessione di kayak sul fiume Tallapoosa a Carrollton con i suoi amici”. Ma si è tagliata utilizzando una teleferica artigianale, ferendosi su di un piede, al polpaccio: un brutto taglio che ora potrebbe costarle la vita, visto che da quella ferita sono entrati dei “batteri divoracarne” che hanno già preteso la sua gamba. Che è stata amputata, insieme a delle dita.

RISCHI - Fino a poche ore fa i medici stimavano le sue possibilità di sopravvivenza come “pari a zero”; in seguito si è in parte stabilizzata anche se non è davvero possibile definirla come fuori pericolo. La sua condizione è chiamata fascite necrotizzante, una rara condizione “nella quale i batteri corrono praticamente senza controllo attraverso i tessuti”, scrive la Msnbc. La ragazza perderà, dicevamo, alcune dita delle mani, ma la funzionalità dell’organo è buona e i medici sperano di poterle impiantare delle protesi funzionanti: dopo ore frenetiche di terapia intensiva è tornata cosciente il che, dicono i dottori, è incoraggiante.

RARA CONDIZIONE - Il batterio che l’ha aggredita si chiama Aeromonas hydrophila ed è uno dei più pericolosi in infezioni di questo tipo, che sono già rare in generale: ma in proporzioni distruttive come quella di Aimee sono praticamente casi unici. Di solito si sopravvive, anche se “una persona su cinque muore”. I batteri che causano malattie infettive che pretendono addirittura l’amputazione delle parti del corpo interessate “sono comuni in acque tiepide e stagnanti. In generale non sono un pericolo: secondo un infettivologo della università Vanderbilt, “potrei immergermi nell’acqua e se non mi ferissi starei davvero bene”. Ma profonde ferite possono rappresentare un veicolo d’accesso per questi batteri, tale da costituire davvero un problema. Quella di Aimee è stata “una tempesta perfetta” dice il dottor Besser, capo servizio sanità per l’Abc: “Si è ferita la gamba, era vicina all’acqua, e il batterio l’ha presa”. Forse uscirà dall’ospedale, ma dovrà lottare per farcela.

* Fonte Giornalettismo

L'incredibile storia di Aimee: un batterio la sta divorandoAimee

Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.

Vedi anche:

L'incubo di Aimee: un batterio la sta divorando
 

Si amputa un testicolo con le forbici: ''Mi faceva male''

PIACENZA - Un uomo di 60 anni, a Piacenza, si e' amputato un testicolo con un paio di forbici: ai medici che l'hanno soccorso ha detto di aver fatto il taglio perche' quella parte del corpo gli faceva male. E' stato impossibile per i medici ricucirgli l'amputazione in quanto il 60enne piacentino ha detto di non ricordare dove aveva gettato la parte tagliata.

E' stato quindi ricoverato all'ospedale, dove e' stato medicato e trasferito poi nel reparto psichiatrico di diagnosi e cura. A chiamare i soccorsi i vicini di casa che hanno sentito le grida dell'uomo subito dopo che si era autolesionato.

* Fonte ANSA

Si amputa un testicolo con le forbici: ''Mi faceva male''

Si amputa un testicolo con le formici: ''Mi faceva male''formici

Vedi anche:

Si amputa un testicolo con le formici: ''Mi faceva male''
 

Le amputano mani e piedi per errore: risarcimento di 17,9 milioni

NEW YORK - Al termine di una battaglia legale durata tre anni, il tribunale ha dato ragione a Tabitha Mullings, la trentacinquenne di Brooklyn, che ha ottenuto un maxi-risarcimento di 17,9 milioni di dollari. A causa della negligenza del Brooklyn Central Hospital, la donna è infatti stata costretta a subire l'amputazione di mani e piedi, oltre ad avere perso la vista da un occhio.


Nel 2008 Mullings venne ricoverata e rimandata a casa nel giro di poche ore con la diagnosi di un calcolo renale, e con alcuni antidolorifici. Quando il giorno dopo chiamò il pronto intervento in preda a dolori lancinanti, l'infezione - non riconosciuta dai medici - si era già propagata alle estremità e non c'è stato altro da fare che tagliare entrambe le mani ed i piedi.


Il denaro non cancellerà la triste realtà che la donna deve affrontare tutti i giorni della sua vita, ma per la trentacinquenne, madre di tre figli, almeno giustizia è stata fatta. «Non posso fare nulla da sola, svegliarsi ogni mattina è un incubo», ha detto la donna, che ora sta cercando di imparare a camminare di nuovo grazie alle protesi hi-tech. A pagare il risarcimento saranno l'ospedale e due dei suoi medici, costretti a sborsare 9,4 milioni di dollari, e la città di New York, che contribuirà con 8,5 milioni.

 

* Fonte Leggo

 

Le amputano mani e piedi per errore: risarcimento di 17,9 milioni -Foto-

 

Le amputano mani e piedi per errore: risarcimento di 17,9 milioni -Foto-

 

Le amputano mani e piedi per errore: risarcimento di 17,9 milioni -Foto-

 

Vedi anche:

 

http://www.scuolazoo.com/post/uomo-nato-con-due-peni-funzionanti-se-ne-fa-amputare-uno-per