Brescia, cane sepolto vivo salvo dopo 2 giorni -Foto-

Non si riesce a trovare una piegazione per un gesto simile, se non il sadismo vero e proprio: il padrone di Jerry, un cane di razza bretone con pelo bianco e rossiccio, lo ha sepolto vivo e se non fosse stato per la segnalazione di un cittadino sarebbe certamente morto in un modo crudele.
Qualcuno, il primo novembre, ha sentito dei lamenti provenire dal terreno, così ha allertato la  polizia locale di Desenzano del Garda che ha tratto in salvo il cane, dopo due giorni di tortura in un terreno in campagna.

Quando la pattuglia di agenti in motocicletta è arrivata, però, da quell'avallamento coperto da laterizi non proveniva più alcun gemito. Per fortuna, però, dopo pochi minuti il debole lamento si è fatto sentire ancora dalle macerie, cos i vigili hanno cominciato a a scavare fino a trovare il cane, che giaceva sotto i detriti con una benda sugli occhi.

Ormai Jerry respirava a fatica, non riusciva più a muoversi ed era disidratato. Subito è stato affidato alle cure dei veterinari della locale Azienda Sanitaria. Ci sono volute solo in poche ore perchè la polizia risalisse all’identità del proprietario del cane. L'uomo ha ammesso di avere sepolto il suo animale quanranta ore prima ed è stato denunciato per maltrattamento di animali (artt. 544 ter e 727 del C.P.). La particolare crudeltà del maltrattamento, poi, rende ancora più grave l'accusa. Jerry ora non è in pericolo di vita ed è in affidamento, su disposizione del Pubblico Ministero di turno, al canile sanitario di Brescia, in attesa di essere condotto al canile di Desenzano.

* Fonte Leggo

Brescia, cane sepolto vivo salvo dopo 2 giorni -Foto-

Brescia, cane sepolto vivo salvo dopo 2 giorni -Foto-

Brescia, cane sepolto vivo salvo dopo 2 giorni -Foto-