scuolazoo.com

Notizie incredibili

 

GB, Lavora 18 ore al giorno per 2 fette di pane

LONDRA - Non riusciva a mantenere la figlia al college. Per questo motivo, Mwanahamisi Mruke, 47enne originaria della Tanzania, è arrivata in Gran Bretagna, dove una donna, Saeeda Khan, ex direttrice di un ospedale, le aveva offerto un lavoro di collaboratrice domestica. Ben presto, Mruke si è resa conto che non si trattava di un lavoro, ma di una schiavitù.

Inizialmente, la sua datrice di lavoro aveva rispettato i patti: 120 mila stelline della Tanzania (50 pound al mese), più un bonus di 10 pound mensili per le spese quotidiane. Una miseria, ma nulla rispetto a quello che la colf, costretta a lavorare dalle 6 di mattina fino a mezzanotte, si è vista dare successivamente: due fette di pane. È il primo caso di schiavitù registrato nel Regno Unito.

La 'padrona' aveva messo un campanellino al collo della sua 'schiava', con il quale impartiva gli ordini, tra cui quello di dormire per 3 anni sul pavimento della sua casa di Harrow, Londra. Mruke non poteva abbandonare la casa, il suo passaporto era stato buttato via e la sua padrona aveva anche minacciato di fare del male ai suoi parenti nel caso si fosse liberata.

L'incubo della domestica è finito quando, con l'aggravarsi dei suoi problemi di salute, è venuta in contatto con il mondo di assistenza agli immigrati. Così, la donna ha querelato civilmente la sua aguzzina. 
Saeeda Khan è stata condannata per sfruttamento a nove mesi di prigione e a un risarcimento di 25 mila sterline.  "Non la perdonerò mai, mi ha privata di ogni forza, anche quella di reagire" ha detto Mruke.

* Fonte Leggo

GB, Lavora 18 ore al giorno per 2 fette di pane

GB, Lavora 18 ore al giorno per 2 fette di pane
 

“Lavori male, ti torturo”. Una colf aveva 24 tra chiodi ed aghi nel corpo

Circa 2 milioni di abitanti dello Sri Lanka hanno lasciato il loro paese l'anno scorso per cercare lavoro e circa 1,4 milioni di loro hanno trovato un impiego in Medio Oriente. Molti hanno sporto denuncia per abusi sessuali o molestie.

L.T. Ariyawathi, 49enne madre di tre figli, è tornata venerdì dopo cinque mesi in Arabia Saudita.

La sua famiglia è venuta a conoscenza dell'accaduto portandola dal dottore per curare il dolore che lamentava, hanno detto i funzionari del Ufficio per l'Impiego all'Estero.

"Il padrone e la moglie del padrone le piantarono 24 chiodi addosso quando la donna si lamentò del carico di lavoro", ha detto a Reuters Kalyana Priya Ramanayake, responsabile stampa del Ufficio per l'Impiego all'Estero.

Ariyawathi sarà sottoposta a un intervento chirurgico per rimuovere i chiodi.

I raggi X hanno rilevato chiodi dai due ai cinque centimetri nelle mani e nelle gambe della donna, ma anche uno sopra gli occhi, hanno aggiunto i funzionari.

* Fonte Yahoo!

Ariyawathi

Ariyawathi

Ariyawathi

Ariyawathi

Scoperto un nuovo trucco su Facebook Clicca qui