scuolazoo.com

Notizie incredibili

 

Piacere, mi chiamo Manchester United: tifoso cambia nome in onore dei Red Devils

BULGARIA - Una promessa è una promessa e, in questo caso, non ha i contorni “fiction” di una pellicola hollywoodiana. Zdravkov Levidzhov, cinquantunenne tifoso bulgaro del Manchester United, ha cambiato i propri dati anagrafici dopo l’incredibile rimonta dei Red Devils nella finale Champions del 1999, vinta nei minuti di recupero contro il Bayern Monaco. Durante le fasi finali della partita, infatti, l’uomo aveva promesso agli amici presenti che, in caso di rimonta, avrebbe cambiato nome e cognome: da Zdravkov Levidzhov a Manchester United. Complice l’incredibile epilogo (gol di Sheringam al 91esimo e di Solskjaer al 93esimo, dopo il vantaggio bavarese di Basler), il tifoso bulgaro ha avviato le pratiche per il cambio promesso. L’attesa è stata lunga (più di dieci anni) ma, alla fine, la richiesta è stata accolta e da oggi, sui propri documenti, verrà stampato il suo nuovo nome in onore della gloriosa società inglese e in ricordo di una serata unica ed indimenticabile.

Il gatto Beckham ed il tatuaggio sulla fronte - Che fosse disposto a tutto pur di ottenere il cambio di nome e dimostrare l’attaccamento alla maglia dei Red Devils, lo si era capito sin dall’inizio. Manchester Zdravkov Levidzhov United, per gli amici “Mr. Manchester”, ha pensato bene di dare al proprio gatto il nome di David Beckham e di farsi incidere, sulla fronte, il logo dell’undici dell’Old Trafford: “Vuoi sapere come mi chiamo? Basta guardarmi in fronte – ha spiegato ai media inglesi - Il tatuaggio è la mia carta d’identità e la gente mi guarda con ammirazione“. Una storia bizzarra, partorita forse sotto gli effetti di qualche birra di troppo, che ha fatto il giro del mondo e che è stata ripresa anche da Stefan Valdobrev, giovane regista indipendente autore del documentario “My mate Manchester United”. Una pazzia degna del miglior personaggio raccontato da Nick Hornby: tifoso dell’Arsenal, ancor prima di essere un grande scrittore di fama mondiale. Nel suo “Febbre a 90″, Hornby raccontava (in maniera autobiografica) le giornate tipo di un super tifoso dei “Gunners” ed il rapporto complicato con la sua compagna: lontana anni luce dagli stereotipi del mondo del calcio. Oggi, a distanza di più di ventanni dall’uscita del bestsellers (che ogni tifoso dovrebbe leggere), la follia di Mr. Manchester United potrebbe essere l’incipit perfetto per il “sequel” di quel fortunato romanzo.

calcio.fanpage.it


 

Nutella, produzione a rischio. Nocciole in crisi e possibile aumento notevole del prezzo

Nutella a rischio. Uno dei prodotti dolciari più amati e famosi potrebbe diventare di elite e non essere accessibile a tutti a causa del rincaro a cui potrebbe essere soggetto.
"La Nutella potrebbe presto vedere il proprio prezzo gonfiarsi diventando un prodotto di lusso". A lanciare l'allarme è Les Echos online, spiegando che la causa è il maltempo che si è abbattuto sul nord della Turchia, che è il primo produttore mondiale di nocciole. La penuria di questo prodotto che ne è conseguita si è tradotta sui prezzi, aumentati del 60% dall'inizio dell'anno e questo rincaro - evidenzia il sito - potrebbe quindi essere applicato sui prodotti derivati a base di nocciole.

Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.

 

Ipoteca la casa per farsi ingrandire il pene: ''Ce l'ho piccolo, così non posso andare avanti''

AUSTRALIA - Ipoteca la casa per farsi ingrandire il pene. Un uomo, 32 anni, identità ignota, ha deciso di investire tutti i suoi risparmi per pagare le spese di un’operazione per l’ingrandimento del pene.

Michael, nome di fantasia, ha infatti un micropene che, anche in erezione, non supera i 7 cm di lunghezza.

“Da sempre ho questo problema che mi ha notevolmente condizionato nella vita sociale, per questo ho deciso di non badare a spese” ha detto Michael, intervistato da 9News, un sito australiano.
“Non è mai stato facile”, continua Michael, “sin dall’infanzia i pediatri sottovalutarono il problema. Mi sarebbe piaciuto giocare a calcio, ma come potete immaginare gli spogliatoi per me sono off-limits e c’è poca gente con cui poter affrontare seriamente questo argomento”. E ancora: “Sono sempre stato condizionato da questo problema e per questo mi sono spesso tenuto lontano dalle donne. Ho perso la verginità a 24 anni, con una ragazza con cui sono stato per tre mesi, poi per altri sei anni non ho fatto sesso”.

30+40mila euro, in totale serviranno 70mila euro per l’operazione. “Non mi importa” dice Michael, “quello che voglio è essere felice e a mio agio con gli altri, quindi non voglio badare a spese”.

buzzland.it

Candid Camera Sexy: le dimensioni contano?

Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.