scuolazoo.com

Notizie incredibili

 

Sa che diventerà cieca, bambina compila una lista di desideri da realizzare prima di allora

Molly Bent è una bambina di soli sei anni con di fronte a se una verità molto ma molto più grande di lei. Molly sa che sta per diventare cieca. La bambina è affetta da una malattia chiamata retinite pigmentosa che potrebbe renderla cieca in qualunque momento. Lei è cosciente che tutto ciò potrebbe accadere da un momento all’altro così ha deciso di stilare una lista di cose da fare e vedere prima che di fronte a sè si celi quel buio che rimarrà per sempre.

Ha preso carta e penna e ha stilato un elenco di cose che vuole fare che è lungo come il suo braccio, ha raccontato la madre Eve in un’intervista al Daily Mail e anche se so che io e mio marito Chris non riusciremo a farle fare la metà di quelle cose, abbiamo deciso comunque di provarci

La piccolina consapevole che prima o poi diventerà cieca sta imparando a camminare col bastone e a leggere in braille:

Per noi genitori tutto questo è straziante perché Molly è così intelligente, curiosa e adora il mondo attorno a lei. Per il momento l’abbiamo portata allo zoo, alla casa delle farfalle di Lancaster e al museo di Manchester per vedere le mummie egizie e i dinosauri, ma stiamo raccogliendo i fondi necessari a regalarle quanti più ricordi possiamo. Non sappiamo esattamente quando diventerà cieca, anche se abbiamo purtroppo la sensazione che la sua condizione peggiori ad ogni visita dall’oculista

Ecco la lista dei suoi desideri: 

  • Andare a Disneyland
  • Andare allo zoo
  • Visitare Londra
  • Vedere il Palazzo della Regina
  • Visitare il Museo di Storia Naturale
  • Visitare Blackpool
  • Visitare la Scozia
  • Andare all’Aquarium
  • Fare un safari park
  • Andare a Legoland
  • Vedere la spiaggia
  • Visitare musei
  • Andare a teatro
  • Assistere ai concerti
  • Visitare l’Australia
  • Vedere una partita di calcio

Ed in rete è già partita una raccolta fondi per far si che Molly possa realizzare tutti i desideri della lista.

leggilo.net


 

''Vi dichiaro padre e figlia'', matrimonio simbolico realizza l'ultimo desiderio di un papà

LOS ANGELES - «Vi dichiaro padre e figlia», con questa formula un pastore ha simbolicamente sposato un padre e la sua bambina di 11 anni sapendo che lui non potrà assistere alle nozze della figlia.

Jim Zetz, ha 62 anni ed è malato terminale di cancro al pancreas. Non è rimasto molto da vivere all'uomo che ha espresso come ultimo desiderio quello di vedere sua figlia all'altare.
Josie, ha solo 11 anni e il matrimonio è lontano, così i due si sono "sposati" in una commovente cerimonia insieme ai loro familiari. Ad organizzare l'evento è stato il fotografo Lindsey Villatoro che ha voluto fare un dono speciale al padre e alla figlia. In 72 ore è stato organizzato l'evento, coinciso con l'11esimo compleanno della bambina.
«Questo giorno è stato importante per Josie, quando andrà all'altare con l'uomo della sua vita, ricorderà questo momento e sentirà il papà ancora più vicino a lei», ha concluso il fotografo.


 

I medici gli danno pochi giorni di vita, lui si ubriaca e cerca una donna per farlo a tre

SCRANTON (PENNSYLVANIA) - I medici gli dicono che ha solo pochi giorni di vita e che solo un trapianto al fegato può salvarlo, lui si ubriaca e cerca una donna per fare sesso a tre durante la notte.
Questa è stata la reazione di Jeremy Srebro alla delicata notizia data dai suoi medici.
Il suo fegato è a pezzi, così domenica scorsa si è completamente ubriacato e ha molestato diverse ragazze in una discoteca cercando di avere un menage a trois insieme alla moglie che ha cercato di esaudire l'ultimo desiderio del marito.
Ma i bicchieri di troppo devono averlo reso particolarmente moleso al punto che il buttafuori lo ha minacciato con una pistola e lo ha fatto arrestare. 

Ora Jeremy rischia di trascorrere gli ultimi giorni della sua vita in prigione e tal riguardo la moglie ha lanciato un appello: «Il medico gli ha detto che senza trapianto di fegato non sarebbe sopravvissuto. Da allora Jeremy è agitato, fuori di sé»,

leggo.it

Please install the Flash Plugin