scuolazoo.com

Notizie incredibili

 

Bimbo diventa arancione quando mangia le carote -Foto-

ODIHAM - Convincere i bambini a mangiare le verdure è una questione comune a molte mamme, ma per Angie, madre di Leo Barnett, quattro anni, il problema si presenta al contrario: suo figlio non può ingerire nessun cibo contenente carotene, altrimenti diventa arancione. Il piccolo è probabilmente l'unica persona del Regno Unito a soffrire di iper-beta carotenemia, una disfunzione che non permette al suo corpo di trasformare il carotene, contenuto in frutta e verdura, in vitamina A. Così Angie si è vista costretta ad eliminare dalla dieta di Leo tutti gli alimenti incriminati.

A causa della rarità della disfunzione, ci sono voluti mesi per diagnosticarla. La prima volta che la donna ha notato un disturbo è stata quando il piccolo aveva sei mesi e la sua pelle ha cominciato a colorarsi di arancione. Allora il bambino ha sofferto di polmonite, così i genitori hanno creduto che il colorito fosse dovuto ad un indebolimento di reni e fegato, ma a un mese dalla guarigione il colorito di Leo era ancora aranciato. Così il medico di famiglia ha consigliato una visita specialistica, e la diagnosi è stata che il bambino mangiava troppe carote. Ma anche dopo tre settimane senza assumere cibi conteneti carotene la situazione non è migliorata.

In seguito ad esami più specifici, i medici hanno riscontrato la mancanza di un enzima che permette la trasformazione del carotene in vitamina A, indispensabile per il buon funzionamento del sistema immunitario. La pelle di Leo restava arancione a causa dell'accumulo di carotene, che comunque non è considerato rischioso per la salute, ma il rischio più grave è proprio la debolezza del sistema immunitario del bambino, per cui anche un raffreddore potrebbe risultare fatale.
Per arginare la situazione, Leo deve prendere vitamina A in gocce e ripetere gli esami del sangue ogni sei mesi.

* Fonte Leggo

Bimbo diventa arancione quando mangia le carote -Foto-arancione

Bimbo diventa arancione quando mangia le carote -Foto-arancione

Bimbo diventa arancione quando mangia le carote -Foto-arancione

Bimbo diventa arancione quando mangia le carote -Foto-arancione

Vedi anche:

Bimbo diventa arancione quando mangia le carote -Foto-arancione

 

I peggiori tatuaggi di Febbraio 2012

Il mese di Febbraio ha mantenuto alto lo standard 'qualitativo' dei peggiori tatuaggi di questo 2012. Proprio come quelli del mese scorso, così come l'anno precedente, tatuatori maldestri ed incapaci, accompagnati da 'cavie' più o meno consapevoli, ci regalano queste nuove perle.

I peggiori tatuaggi di Febbraio 20122012

I peggiori tatuaggi di Febbraio 20122012

I peggiori tatuaggi di Febbraio 20122012

I peggiori tatuaggi di Febbraio 20122012

I peggiori tatuaggi di Febbraio 20122012

I peggiori tatuaggi di Febbraio 20122012

I peggiori tatuaggi di Febbraio 20122012

I peggiori tatuaggi di Febbraio 20122012

I peggiori tatuaggi di Febbraio 20122012

I peggiori tatuaggi di Febbraio 20122012

Vedi anche:

I peggiori tatuaggi di Febbraio 20122012
 

57enne pubblica le proprie foto in bikini: la contattano in 900. ''Prima ero ignorata''

GLASGOW - È bastato un costume rosso a convincere oltre 900 persone in due giorni a contattare Louise Leech. La signora è una vedova di 57 anni che grazie allo stratagemma spera di riuscire a trovare un nuovo amore dopo aver perso il marito, con il quale è stata sposata per 30 anni, tre anni fa. Il fatto singolare, però, è che Louise è iscrtitta in chat per persone sole già da due anni, ma nessuno prima l'aveva mai contattata. Forse perché nelle foto appariva sempre vestita. Poi l'idea di comprare un costume a 35 dollari e sfoggiarlo per i suoi ammiratori virtuali. Quando è andata a controllare la sua posta, due giorni dopo l'annuncio c'erano oltre 900 messaggi. Ora la signora, che sta facendo una selezione delle proposte ricevute, spera di trovare un uomo che possa ridarle la gioia di vivere, e ne approfitta per lanciare un messaggio a tutte le donne che hanno perso il marito e vogliono innamorarsi: "Non perdete la fiducia in voi stesse".

* Fonte Leggo