scuolazoo.com

Notizie incredibili

 

Ha il desiderio di diventare nonna: ''Stupra mia figlia e mettila incinta''

Il sogno di ogni mamma è quello prima o poi di avere dei nipotini. A volte diventa un’ossessione, ma è davvero improbabile che qualcuno possa arrivare ad attuare un piano così assurdo: in Sudafrica una donna che voleva disperatamente diventare nonna è stata arrestata dopo l’accusa di aver organizzato uno stupro ai danni di sua figlia. La donna di 51 anni è stata arrestata dopo il racconto della vittima che ha denunciato di essere stata violentata domenica vicino a casa sua, nella provincia di Limpopo in Sud Africa. La ragazza non ne voleva sapere di rimanere incinta, e la madre ha provveduto in un altro modo.

VIOLENZA INIMMAGINABILE - Perfino gli inquirenti, che ne hanno viste di tutti i colori sono rimasti disgustati dall’episodio, a detta di un portavoce della polizia che spiega l’accaduto: “la giovane donna è stata violentata e sembra che il suo aggressore fosse stato pagato per commettere il crimine dalla madre della ragazza che era disperata per non essere  nonna, mentre la figlia non mostrava alcun segno di volere un bambino. Ha deciso quindi di assoldare un uomo per farla rimanere incinta contro la sua volontà. Lo stupro è avvenuto domenica e la madre e il violentatore sono stati arrestati lo stesso giorno. La donna, il cui nome non è stato reso noto  per proteggere l’identità della figlia, è apparsa ieri davanti ai magistrati per affrontare l’accusa di essere complice di uno stupro.

SHOCK – Finus Fetnadi, 33 anni, è l’uomo accusato di aver commesso la violenza. E’ stato reclutato dalla mamma della ragazza che ha cercato nei paraggi qualcuno disposto a commettere il crimine; ancora non è chiaro se ci sia stata anche una ricompensa in denaro, quel che invece è appurato è che una delle richieste è stata quella di non usare il preservativo durante lo stupro avvenuto presso il villaggio di Cross River vicino Burgersfort, circa 250 miglia a nord est di Johannesburg. Ora la ragazza dovrà attendere per sapere se lo stupro ha portato ad una gravidanza, ma oltre alla paura per il suo futuro sta affrontando anche lo shock per aver saputo che dietro alla violenza c’era la regia della propria madre.

* Fonte Giornalettismo


Ha il desiderio di diventare nonna: ''Stupra mia figlia e mettila incinta''
 

Cucina solo pasta, marito la uccide

"Da un mese cucinava soltanto e sempre pasta. Ormai era insopportabile e io l'ho uccisa". Con questa  incredibile confessione un uomo di 53 anni è stato arrestato dalla polizia a Trabzon (l'antica Trebisonda), nella regione nordorientale della Turchia. La donna è stata massacrata a colpi di martello. Secondo l'agenzia di stampa turca Anatolia, il cadavere della donna è stato scoperto dai vicini di casa che hanno dato l'allarme.

Subito dopo aver preso a martellata la moglie, il 53enne è fuggito. Ma la fuga è durata poco. Un paio d'ore dopo l'omicidio, infatti, l'uomo è stato fermato. Una volta alla polizia non ha mostrato segni di pentimento, anzi. Durante l'interrogatorio ha spiegato le ragioni dell'omicidio: "Non si interessava più me, era insopportabile. Da un mese cucinava solo pasta". Increduli gli agenti, lo hanno arrestato.

* Fonte Tgcom


Cucina solo pasta, marito la uccide
 

Allevatore geloso marchia la giovane moglie

Allevatore geloso marchia la giovane moglieLei giovane, spiritosa e bella, lui più maturo e molto, molto possessivo. Con questi presupposti, che all'interno di una coppia di Butte, nel Montana, si scatenasse un dramma della gelosia era quasi scontato. Meno scontato è il modo in cui sono andate le cose. B.W., 54 anni, allevatore, non sopportava gli sguardi e le attenzioni altrui attorno a C.S., la sua 22enne consorte. Più volte l'aveva avvertita che non gradiva che lei parlasse troppo con vicini e conoscenti, lei si limitava a rispondere sorridendo: "Ma di che ti preoccupi? Sono solo due chiacchiere".

Così, obnubilato dalla gelosia, l'uomo ha deciso di usare con la moglie lo stesso metodo utilizzato con i suoi capi di bestiame. Nel cuore della notte ha afferrato un ferro con le sue iniziali, lo ha scaldato, quindi è tornato in camera da letto dove la 22enne malcapitata dormiva vestita solo di leggerissima lingerie. B.W. ha provveduto a marchiarle il sedere, ottenendo anche di far svegliare tutto il vicinato quando lei ha iniziato a strepitare per il dolore. Ora i due si rivedranno in tribunale: la polizia interroga lui, le associazioni per la tutela dei diritti femminili hanno fatto di lei un'icona. Alla faccia delle troppe attenzioni.

* Fonte Tiscali