scuolazoo.com

Notizie incredibili

 

Sesso a 14 anni, le adolescenti raccontano: ''Se non ti fai sverginare sei una sfigata''

Scopare è come fumare una sigaretta”. In che senso? “È una piccola trasgressione, nulla di più. Si fa per diventare grandi. Non che gli altri ti vedano poi diversamente, ma tu stessa proietti un’immagine più matura e di conseguenza entri nel gruppo più figo”. All’inizio c’è la spinta delle amiche: “Per chi te la stai tenendo? Guarda che se non la molli ti molla lui… E poi a qualcuno la dovrai pur dare, o no?”. Chiara è molto carina, ha ai piedi stivaletti di cuoio, e addosso una magliettina di Zara e una felpa blu col cappuccio. Potrebbe avere 14 anni come 18. Parla di sesso come se, appunto, l’avesse studiato meticolosamente a scuola, pur non avendolo ancora mai provato. E descrive un mondo capovolto: “I ragazzi non ci pressano mai per andare a letto. Anzi, sono terrorizzati dal fare figuracce, perché non sanno bene cosa devono fare. Anche perché noi siamo cattive, se uno se la cava male poi rischia che lo roviniamo. Sono le femmine – spiega Chiara – a sentirsi in dovere di sverginarsi in fretta. E poi gli uomini non hanno bisogno di insistere, perché le ragazze sono indemoniate”.

Quando decidi di farlo, lo annunci alle amiche: “Questo weekend ho deciso che scopo”. Poi c’è l’immancabile resoconto del lunedì: “Di solito dicono ‘mi hanno sfondata’, oppure ‘mi hanno aperta’”. Da quel momento in poi perdi l’inibizione: “Una volta che l’hai data, la tua vita sessuale diventa super attiva. Se sei a casa di un’amica e c’è un tipo carino, non è che te la meni. Gliela dai senza fare troppe storie. Il ragazzo neanche se l’aspetta, così lo stupisci”.

ilfattoquotidiano.it

Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.

 

Torna a casa, trova un uomo nel letto e chiama la polizia

PERUGIA- Torna casa e trova un tunisino che dormiva nel suo letto. È successo nella zona di via dell’Acquedotto.

La donna si è accorta dell’intruso perché aveva sentito rumori sospetti da casa della nonna che si trova a pochi metri. La donna ha chiamato la polizia che ha denunciato il tunisino di 28 anni. L’uomo è stato trovato armato di un tubo di ferro e di un coltello.

Occupazione abusiva di un appartamento anche in via Angeloni da parte di tre marocchini. Uno, l’ex affittuario, aveva tenuto una copia della chiavi ospitando in casa due amici. La polizia li ha fatti sloggiare dopo la chiamata dei proprietari.

La polizia ha anche arrestato un 49enne che ha violato l’obbligo di dimora ad Assisi. L’uomo è stato fermato nei pressi della stazione di Fontivegge dopo aver rifiutato le cure del personale, del 118 per un malore.

leggo.it

Ecco invece cosa è successo a San Paolo, Brasile

Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.

 

 

Cinema a letto: in sala via la poltrona, arriva il matrimoniale

La tendenza è partita dalla Francia, quando il cinema Olympia prestò le sue sale a una campagna pubblicitaria di letti. Da allora l'idea è piaciuta molto in Inghilterra e nei paesi orientali: in sala, anziché le solite poltrone, ci sono comodi letti matrimoniali. 

Il prezzo del biglietto è un po' più alto, ma il comfort ne guadagna. Sui grandi letti si può stare in coppia, accanto a un perfetto sconosciuto o anche da soli. Alcune sale, soprattutto nel continente asiatico, prevedono contenitori per appoggiare popcorn, bevande o oggetti personali di ogni tipo. E nel caso il film sia noioso, si può sempre schiacciare un pisolino.

leggo.it