Ragazzina scopre cura contro l'invecchiamento

WATERLOO- Una piccola scienziata porta a segno una buona scoperta. Ha solo 16 anni e già all'attivo una scoperta scientifica importante: una sostanza antinvecchiamento composta da nanoparticelle presenti nelle fibre del legno. Janelle Tam, liceale canadese di Waterloo in Ontario, ha ricevuto il primo premio, accompagnato da un assegno di 5mila dollari, del Sanofi BioGENEius Challenge, assegnato da scienziati del consiglio nazionale del Canada. La sostanza scoperta, battezzata Ncc (nano-cellulosa cristallina) potrebbe essere utilizzata in un prossimo futuro in diversi ambiti della medicina antiaging, per la sua capacità di neutralizzare numerosi radicali liberi e per un potere antiossidante superiore a quello delle vitamine C ed E, rispetto alle quali è più stabile è ha azione più duratura. La giovane ricercatrice è riuscita ad accoppiare chimicamente con nanoparticelle di carbone il buckminsterfullerene. La coppia agisce come un aspiratore, neutralizzando i radicali liberi. La Ncc non è tossica, è stabile, solubile nell'acqua e "rinnovabile" perchè estratta dagli alberi. Il suo uso potenziale non si limita all'antiaging ma è di ampio raggio, perchè si tratta di una sostanza forte come l'acciaio, ma morbida, durevole e ultra leggera. E già si calcola un mercato milionario per i prossimi decenni.

* Fonte Leggo