scuolazoo.com

Notizie incredibili

 

Baby mamma partorisce a 12 anni: ora vuole sposare il fidanzato 13enne

LONDRA - Mamma a 12 anni. Non si tratta di una bambina indiana o di un paese dove si diventa genitori in tenera età, ma di una ragazzina inglese. La 12enne è diventata la più giovane madre del Regno Unito e ha dato alla luce un bambino diventando genitore insieme al fidanzato di 13 anni.
La mamma-bambina è rimasta incinta a 11 anni, quando ancora doveva finire le scuole elementari e oggi vive con il fidanzato e il figlio nella casa dei suoi genitori.  Voci vicini alla famiglia descrivono la giovanissima coppia come molto innamorata: «Stanno insieme da un anno», racconta al The Sun, «Non è una relazione superficiale. Ameranno il bambino e cercheranno di creare una famiglia».
I genitori della coppia sono scioccati ma felici per il nipotino: «Sono molto vicini ai due bambini, per loro crescere un figlio non sarà facile».  I due hanno annunciato di volersi sposare, e la mamma spera di riprendere gli studi a settembre.

Please install the Flash Plugin

 

Quando il selfie diventa pericoloso: Si becca un calcio dal treno in corsa

Per farsi il selfie aveva scelto una location decisamente discutibile: accanto ai binari, dove questo ragazzo voleva fotografarsi con il treno in corsa alle spalle. Ma per "punirlo" l'autista gli ha sferrato un calcio in pieno viso. Mandando all'aria il suo progetto di foto "spettacolare".

Please install the Flash Plugin

 

Bambino scomparso ritrovato dentro a una macchinetta acchiappa-peluche

STATI UNITI - Un bambino scomparso nel Nebraska è stato ritrovato al bowling bloccato in una claw machine.

L’intrepido Kael Ireland, di soli tre anni, ha capito che è più facile entrare in una macchinetta acchiappa-peluche che riuscire a prenderne uno. È stato proprio dentro a una di quelle macchinette che è stato trovato dopo aver fatto prendere un grosso spavento ai genitori, che non appena hanno notato la sua mancanza hanno chiamato la polizia.

Lo staff del Madsen’s Bowling and Billiards di Lincoln (Nebraska, Stati Uniti) crede che sia riuscito a entrarci attraverso lo scivolo dal quale escono i peluche; Kael è stato fatto uscire dopo aver chiamato gli operatori del distributore automatico che l’hanno aperto in poco tempo. Al bimbo è stato poi regalato uno dei peluche con cui stava giocando, anche se probabilmente sarebbe stato più felice se l’avessero lasciato lì ancora un po’!

absurdityisnothing.net

Please install the Flash Plugin