scuolazoo.com

Notizie incredibili

 

Pubblicità da infarto, 341 denunce: i video shock dello spot

Phones 4U, la società telefonica britannica che rappresenta un colosso nel mercato dei cellulari, è stata messa alla sbarradopo la diffusione di uno spot pubblicitario che, a quanto sembra, spaventerebbe troppo i bambini. Lo spot incriminato è stato messo in onda nelle ore di punta e ci mostra una donna camminare in un parcheggio perseguitata dallo spettro di una bambina. Insomma, qualcosa che ricorda molto da vicino Samara, la terrificante bambina protagonista di ”The Ring”.

Il risultato è stato che lo spot, anzichè far presa sul consumatore, ha spaventato a morte i più piccoli, terrorizzati da quella bambina tanto da piangere, urlare e voler cambiare canale a tutti i costi. Lo stesso per i genitori, spaventati sia dalle urla dei proprio figli che dalla visione della spettrale bambina. Conseguenza di queste reazioni sono state ben 341 denunce sporte all’Advertising Standards Authority (ASA) dai genitori dei bambini terrorizzati. Alla fine lo spot dice: “Se ti perdi le nostre offerte, ti perseguiteranno”. Stesso effetto prodotto da un altra pubblicità della stessa compagnia telefonica che mostra un ragazzo correre in un bosco, rincorso da una zombie.

Tuttavia, l’unica ad essere per il momento perseguitata è la compagnia telefonica, sebbene abbia comunque ottenuto l’effetto di far parlare molto dei propri spot pubblicitari che vi mostriamo di seguito, sperando che non terrorizzino troppo anche voi, nonostante siano stati prontamente ritirati dal piccolo schermo.

* Fonte attualissimo
Please install the Flash Plugin

 

GB, bimba si addormenta 30 volte al giorno

In gergo medico si chiama 'cataplessia', che in forme normali porta ad estrema debolezza e perdita del tono muscolare, in alcuni momenti della giornata. Quella di cui soffre Sade Biggs, bambina di 8 anni di Londra, però, è una forma estrema di questo disturbo, che in parole povere, le impedisce di vivere. Sade, infatti, non può giocare con i suoi amici, o andare in bicicletta, e in futuro non potrà guidare l'auto, o fare sport, o lavorare, perché per una trentina di volte al giorno, si addormenta improvvisamente.

La sua storia è stata raccontata qualche giorno fa dal tabloid britannico Daily Mail. Lei e sua madre Dana, 37enne, hanno accettato di farsi intervistare, raccontando il calvario della povera bambina. "Quando Sade aveva due anni, iniziammo ad accorgersi che c'era qualcosa che non andava - ha detto Dana - Sade dormiva tantissimo, giorno e notte, a volte si addormentava con il cibo ancora in bocca. Ero molto spaventata". La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata un episodio particolare, accaduto qualche anno fa: "Una volta eravamo in bici, all'improvviso mi sono girata e Sade era caduta, e dormiva sull'asfalto". Negli anni successivi, la bambina ha fatto decine di test in ospedale, prima che le venisse diagnosticata questa strana malattia.

Non bastassero i 'sonnellini' improvvisi, a rendere la vita di Sade un inferno ci sono anche gli incubi, terribili, di cui soffre durante il sonno. "Vedo scheletri e streghe, sono sogni molto reali" ha detto la stessa bambina al Mail. "Sade non può fare ciò che fanno gli altri bambini, è costretta a stare sempre con me. A volte è agitata, si arrabbia, ma la colpa non è mia né sua, è solo di questa malattia". I medici che la seguono, comunque, sono fiduciosi: secondo John Cherry, uno dei massimi esperti di narcolessia nel Regno Unito, la condizione di Sade è rarissima, ma il fatto che sia stata diagnosticata così presto, è molto positivo. "Ci sono molte possibilità che in futuro si possano fortemente ridurre gli effetti e, chissà, magari guarirla", ha detto Cherry.

* Fonte Leggo


Sade Biggs

Sade Biggs
 

Si fa la doccia per farsi passare la sbronza, ma nella casa sbagliata

Aveva sentito che qualcuno stava usando la doccia del suo appartamento e sapeva bene che nessun altro a parte lei poteva farsi la doccia nel suo bagno, così spaventata ha chiamato la polizia.

Ad essersi intrufolato in casa sua era stato il vicino completamente ubriaco che con l’intento di farsi passare la sbronza aveva deciso di tornare a casa e farsi una doccia. Peccato che abbia sbagliato casa e invece di andare nella sua, è entrato in quella della vicina.

E’ accaduto in Australia, la padrona di casa ha chiamato la polizia spaventatissima, affermando che in casa sua fosse entrata una persona sconosciuta in piena notte.

Quando la polizia è arrivata nell’appartamento ha trovato l’uomo rivestito con il volto tutto rosso sul balcone della casa, ancora incosciente di essere nell’appartamento sbagliato.

L’uomo, 42 anni, avvertito dell’errore avrebbe semplicemente chiesto scusa alla padrona di casa.

La donna, 34 anni, ha più tardi affermato che credeva di avere a che fare con un ladro e si è detta ben contenta del fatto che la polizia sia intervenuta tempestivamente per portare via l’intruso.

* Fonte Absurdityisnothing

Si fa la doccia per farsi passare la sbronza, ma nella casa sbagliata

 

Si fa la doccia per farsi passare la sbronza, ma nella casa sbagliata