scuolazoo.com

Notizie incredibili

 

Studentessa universitaria hot, scandalo in Argentina

BUENOS AIRES - Il suo nome è Annalisa Santi, ha 21 anni, è nata in Italia ma da un po' studia giurisprudenza presso l'Universita' cattolica (Uca) di Buenos Aires: dove in queste ore media e tv parlano di lei perché è diventata un fenomeno sulle reti sociali e Youtube, dove ha postato immagini e video in abiti succinti. Un'iniziativa che le ha dato grande popolarità, ma che non è piaciuta per niente invece alla Uca, che in un primo momento ha fatto sapere di essere pronta a "sanzionare" Annalisa salvo poi fare retromarcia. A fare infuriare i responsabili dell'Ucla il fatto che le immagini della studentessa siano state riprese durante una lezione in facoltà.

TGCOM24

Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.

Guarda anche:
 

Amanda ha 50 orgasmi al giorno, ecco il video che lo prova

In ogni momento della sua giornata, ad ogni ora (tranne quando dorme), Amanda Gryce è in continuo stato di eccitazione, tanto che per lei avere orgasmi è diventato un incubo.

Amanda ha solo 22 anni e, mentre molte donne possono solo sognare di avere orgasmi multipli nella loro vita, per lei tutto questo è diventato un vero fastidio; la sua patologia si chiama PSAS ed è per lei una grossa limitazione, visto che, stare in costume o uscire con gli amici è un vero disagio. Una semplice vibrazione di un cellulare, un suono più profondo, una piccola emozione, e Amanda Gryce comincia ad avere orgasmi in continuazione.

La cosa più tragica però, è che pur avendo contattato centinaia di medici sembra che la PSAS sia ad oggi una malattia non curabile, ed è per questo che Amanda ha deciso di condividere su YouTube la sua storia, con la speranza che qualcuno possa riuscire ad aiutarla in qualche modo.

* Fonte nonfaridere

Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.
Guarda anche:
 

In fin di vita a 17 anni, il suo addio commuove il web: il video

In fin di vita a 17 anni, il suo addio commuove il web: il videoaddio Straziante storia quella che vede come protagonista Shaun Wilson-Miller, un ragazzo australiano di soli 17 anni, malato terminale, che è diventato famosissimo in rete dopo aver accidentalmente inviato un commovente messaggio d’addio e di ispirazione per il mondo su YouTube. Shaun, al quale è stato detto dai medici che non gli resta molto da vivere dopo che il suo corpo ha rigettato un secondo trapianto cardiaco, stava solo cercando di inviare il suo ultimo saluto ai suoi amici su Facebook ma a causa di un inconveniente ha dovuto mettere il video su YouTube, accorgendosi, il giorno dopo, di aver avuto più di 100 mila visualizzazioni.

Il video, in cui il giovane non mostra segni di autocommiserazione, ha invece incoraggiato coloro che lo hanno guardato a cogliere l’attimo e sfruttare al massimo la propria vita. Il video, per il momento, è stato visualizzato da più di un milione e 300 mila persone. Nei tre minuti di tempo che Shaun si è voluto concedere nella clip, intitolata “My final goodbye” (Il mio saluto finale), cercando di trattenere le lacrime dice: “Non sarò qui a lungo come pensavo, ma voglio dire che è stato un giro fantastico e non ho rimpianti. Vivi la vita al massimo, perché non si sa mai cosa sta per accadere”.

Il video ha ispirato una tale ondata di emozione in Australia che Shaun ha trascorso le sue ultime settimane di vita realizzando quelli che erano i suoi grandi sogni: il giovane è infatti apparso nella fiction Neighbours, ha incontrato il suo giocatore di calcio preferito Jobe Watson , ha scritto le sue memorie e ha trovato anche l’amore.

La ragazza di Shaun è anch’ella malata di cuore. I due si sono messi insieme tre settimane fa, ma sono stati prima amici per 7 anni. “La cosa più difficile per me è lasciarla, sapendo che potrò arrivare a sposarla” ha raccontato il giovane al Sun Herald in Australia. “Non potremo avere dei figli insieme. Non potremo invecchiare insieme. Questo è ciò che mi rende triste“. Shaun ha poi aggiunto: “Voglio divertirmi. Voglio godermi la mia vita. Queste sono le carte che sono state distribuite. Devo solo rotolare con i pugni. Ho avuto due trapianti di cuore e mi è stato impiantato uno stent. Ho vissuto 10 anni in più di quanto avrei dovuto, grazie a questo”.

Suo padre Cameron ammette che le circostanze che circondano la vicenda di Shaun, lo rendono pieno di orgoglio per il coraggio di suo figlio,  ma ovviamente l’uomo è devastato al pensiero che presto dovrà seppellirlo. Cameron ha detto al Sun Herald: “Prego solo che sia veloce e che non soffra. Nessun genitore dovrebbe seppellire il loro bambino. Ma lui ama la vita e non vuole che piangiamo per lui. Sono arrabbiato con il mondo, mi chiedo perché questa bella persona debba essere portata via da me, dalla sua famiglia e dal mondo. Ma lui non vuole che io pianga. Ha bisogno di sapere che sto bene”. Non c’è molto da dire, se non quanto la vita, troppe volte, sia ingiusta.

* Fonte attualissimo

Di seguito l’addio di Shaun, un giovane angelo che presto volerà libero nel cielo:

Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.

In fin di vita a 17 anni, il suo addio commuove il web: il videoanni

Vedi anche:

In fin di vita a 17 anni, il suo addio commuove il web: il videocommuove